Regionalismo differenziato: i rischi per l’unità nazionale e per il Mezzogiorno

Regionalismo differenziato: i rischi per l’unità nazionale e per il Mezzogiorno

29 Dicembre 2023 1 Di Rocco Gumina

A Sciacca, sabato 16 dicembre, si è svolto un momento di riflessione sull’autonomia differenziata.

Insieme a Stefano Scaduto, Andrea Piraino, Liboria Di Baudo e Vita D’Angelo abbiamo discusso sull’urgenza di ripensare il regionalismo in termini comunitari. Infatti, il regionalismo comunitario è l’unico antidoto contro tutte quelle forme di autonomia che assumono i contorni della sovranità regionale tesa a istituzionalizzare i divari sociali ed economici presenti nel nostro Paese.

Sotto segnalo il video integrale dell’incontro – organizzato dal Centro Studi “A,. De Gasperi” di Sciacca – che si è configurato come un’occasione per conoscere i rischi a cui l’Italia va incontro con l’approvazione definitiva del disegno di legge “Calderoli” sul regionalismo differenziato.

Nel mio intervento, dopo una riflessione critica sull’attuale proposta governativa, ripercorro il contributo di Luigi Sturzo e di Piersanti Mattarella sul tema dell’autonomia. Si tratta di un pensiero capace di riformulare radicalmente la questione del regionalismo poiché intesa nell’ottica della coesione e della solidarietà nazionale.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO